Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

8 Aprile 2013

Troppi galli a cantà

Troppi galli a cantà

***

Ner mentre che ’sti quattro ciarlatani,

nun riescheno a mettese d’accordo

pe fà un Governo un po’ meno balordo,

li soli a tribbolà sò l’italiani.

***

Der Ber Paese c’è solo er ricordo,

se sò sconvorti già programmi e piani,

qui nun c’è più certezza der domani:

netto a pagare è gnente torto er lordo.

***

E questi pe le beghe de partito

e solo pe interessi perzonali

nun arzeno nimmanco mezzo dito …

***

… pe sistemà l’impicci nazzionali,

fin quanno starà in bianco, aripulito,

tutt’er Paese in mano a ’sti majali.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Mejo pijalla a ride; co’ tutti sti “chicchirichì” famose ‘n ber risotto de “chicchi ricchi”, magara a la crema de scampi. Defatti Dio ce ne “scampì” e liberi

    Comment di 'svardoASR'29 — 8 Aprile 2013 @ 10:38
  2. … un po’ qualunquistica, ma la situazione è quella che è, e in mezzo a questa turpitudine ci si deve muovere … Sbagliato, a mio parere, è generalizzare …

    Comment di Elio Malloni — 8 Aprile 2013 @ 10:57
  3. Sonetto che rispecchia la realtà. Per quanto riguarda il governo: no comment.

    Comment di letizia — 8 Aprile 2013 @ 11:46
  4. scusate se parlo di cose assai meno importanti di quelle del sonetto: oggi c’è il derby.
    Andatevi a leggere un articolo del grande Pelosi, su il Romanista: http://www.ilromanista.it/le-ultime-dai-campi/4439-lotito-il-furbetto-del-calcio.html
    Leggetelo fino in fondo. Ne vale la pena

    Comment di Pablo BigHorn — 8 Aprile 2013 @ 16:06
  5. Letto e ………. cantato: te c’hanno mai mannato a quer paese?
    Pe me è sempre stato un: “Nenè fregheme piano”; viscido e scivoloso. Er perfetto lassiale.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 8 Aprile 2013 @ 17:54
  6. Dicheno che er Papa propennerebbe pe la lanzichenecca; speramo che nun je da pure la benedizzione. In tar caso s’avrebbe da ricorda’ che è Papa pe tutti e pure der Lazio, ma è pure Vescovo de Roma a la quale avrebbe da spetta’ ‘na’ benedizzione speciale. Cercamo de nun principia’ co le parzialità. A ognuno quello che je spetta.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 8 Aprile 2013 @ 18:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>