Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Aprile 2013

Detti popolari: “conzolasse co l’ajetto”

Detti popolari: “conzolasse co l’ajetto”

***

A Roma è un detto arquanto popolare,

quello de conzolasse co l’ajetto,

pe stà a indicà un gioì quann’er verdetto

è poco bono e cià sembianze amare.

***

Riconzolasse, appunto, dice er detto,

co l’ajo e quer suo ber particolare

de provocà un fiato anti-zanzare,

invece che magnà a un gran banchetto.

***

Ma come tanti artri anche st’adaggio,

deriva da ’na storia contadina,

quanno er raccorto annava male a maggio …

***

… che arimaneva vòta la cascina,

er contadino, si era stato saggio,

co l’ajo se evitava la rovina.

***

Stefano Agostino

___________________

  1. Qui sò anni che se stamo a riconsolà co l’ajetto… mò è finito pure quello!!!

    Comment di Silvio — 11 Aprile 2013 @ 09:34
  2. E daje, m’associo a Sirvio, me pare che l’ariconsollata la pijamo noi romanisti, godenno de le sventure de li gobbi e de quelli fori-porta. E’ ora de inverti’ er godimento de ‘st’ariconsolazzione.
    Hanno d’aritorna’ ‘n pianta stabbile li tempi de Viola e Sensi (1982 e 2001) e saranno l’antri a ariconsolasse.
    DAJE ROMA DATTE ‘NA SVEJATA!!!!

    Comment di RomamoR AsR '929 — 11 Aprile 2013 @ 11:24
  3. L’aietto, come dice Silvio, è proprio finito. La consolazione la vorrei dai miei e non dagli altri!

    Comment di letizia — 11 Aprile 2013 @ 11:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>