Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Aprile 2013

Iraggiungibbile

Iraggiungibbile

***

Tarmente è un’esiggenza necessaria,

che senza er cellulare ormai sei nudo,

me ne so’ accorto oggi e guasi sudo,

pensanno a che me manca come l’aria.

***

Er “training” quann’è “autoggeno” o er judo

o un’autoimposizzione volontaria,

 nun basteno a ridamme l’ordinaria

tranquillità che ciò de mio e chiudo.

***

Ma mó che ce arifletto pe un momento,

senza riceve squilli o vibbrazzioni

nun è un gran male, anzi so’ contento.

***

Senza dové arisponne a trilli e a sòni,

chi vò cercamme oggi trova spento,

me stanno già a dì “GRAZZIE” li cojoni!

***

 Stefano Agostino

_________________________

  1. E’ proprio vero, questo piccolo oggetto tascabile da almeno tre lustri ci ha cambiato irreversibilmente l’esistenza!

    Comment by Silvio — 16 Aprile 2013 @ 08:33
  2. Certo che, pe moventa’ de più la vita, ce voleva er tefono-nino.
    Prima der suo avvento era arrivata la segretoria telefonica raggiungibbile, da fòri casa, co ‘n’apparechietto che, avvicnato a la cornetta de ‘n telefono pubblico, te faceva senti’ le chiamate da casa. Già quello era diventato guasi indispensabbile.
    Purtroppo, arcuni pedatori giallorossi, l’adopreno pure ‘n campo p’avverti’ er portiere avversario: Mo te tiroooo.
    SEMPRE FORZA ROMA.

    Comment by 'svardoASR'29 — 16 Aprile 2013 @ 09:13
  3. Senza cell si vive meglio: da quando sto in pensione l’ho abolito (quasi).
    ‘svardo sei un mito!
    SEMPRE FORZA ROMA e speriamo che non ci facciano scherzi.

    Comment by letizia — 16 Aprile 2013 @ 11:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>