Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Agosto 2018

Dar Vangelo der giorno: “da chi anneremo?”

Dar Vangelo der giorno: ” da chi anneremo?”

***

Gesù vide d’un tratto ch’er discorzo

sur pane e er vino e le parole dure,

s’era abbattuto giù come ‘na scure,

su quelli che seguiveno er percorzo.

***

Tante perzone, ormai nun più sicure

de stà a seguì er Signore e quer suo corzo,

pe quarche cosa che je s’è arintorzo,

già staveno a cercà artre avventure.

***

Li dodici arimasti a annaje dietro,

se li guardò co un’aria assai fraterna,

appena distanziato un quarche metro.

***

Je disse: “Pure voi, in tripla quaterna,

volete annà?” – “E da chi?” – je fece Pietro – 

“parole ce l’hai Tu, de vita eterna!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Altro grande e misterioso argomento trattato da Stefano co delicata fermezza. Si, è vero, solo Lui, Gesù, ce pò da la Luce pe trova’ la via maestra.

    Comment di 'svardoASR'29 — 20 Aprile 2013 @ 14:49
  2. Gesù vide d’un tratto ch’er discorzo
    sur pane e er vino e le parole dure,
    s’era abbattuto giù come ‘na scure,
    su quelli che seguiveno er percorzo. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Agosto 2018 @ 05:47
  3. Non sempre le parole di Gesù sono di facile interpretazione. Solo con la fede in Lui e con il cuore possiamo intendere i Suoi insegnamenti: “Signore da chi andremo? Solo Tu hai parole di Vita Eterna”. E’ questa la semplice risposta di Pietro che dobbiamo fare nostra!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 26 Agosto 2018 @ 13:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>