Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Marzo 2018

Nun è che te succede un quarche danno

Nun è che te succede un quarche danno

***

Nun è che te succede un quarche danno,

a comportatte bene e a èsse onesto,

vorebbe ditte, in fonno, solo questo,

senza qui fatte pià nessun affanno.

***

A rispettà le regole, der resto,

nun t’arovina, né te dà malanno

e pure che sò pochi, ma ce stanno,

quelli che ponno comprovà ’sto testo.

***

Ma oggi, a èsse onesti, pare brutto:

si nun arubbi o nun frodi la legge,

che campi a fà? Vai solo che distrutto.

***

Se preferisce più seguì quer gregge

de chi sa già d’avé capito tutto

e mó se la sta a ride si me legge.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Nun è che te succede un quarche danno,
    a comportatte bene e a èsse onesto,
    vorebbe ditte, in fonno, solo questo,
    senza qui fatte pià nessun affanno. … (continua)

    Comment di Stefano — 2 Marzo 2018 @ 05:53
  2. Sei sempre il PRIMO

    Comment di ENRICA — 2 Marzo 2018 @ 08:22
  3. Eh sì Stè, c’hai proprio ragione, l’onestà è ‘na brutta malattia. Pare stiano meditando di introdurre il vaccino obbligatorio…

    Comment di Silvio — 2 Marzo 2018 @ 10:23
  4. Ma ormai, l’onestà è una cosa d’altri tempi, appartiene al passato: bisogna essere disonesti, corrotti, ladri e bugiardi! Questo è quello che stanno insegnando alle giovani generazioni, e meno male che c’è qualcuno che non li segue!
    Buona Giornata.

    Comment di maria letizia — 2 Marzo 2018 @ 11:33
  5. Brutta malattia l’onestà. Se dichiari di esserne contagiato, rischi di rimanere isolato.

    Comment di 'svardo — 2 Marzo 2018 @ 17:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>