Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Maggio 2013

Auguri nonna

Auguri nonna

***

Quest’è pe te (e “gne fa gnente”) nonna,

ner giorno esatto der tuo compleanno

co oggi si nun sbajo e nun me ‘nganno,

ne fai novantatré … daje che donna!

***

“Me dole qua e de là, ciò acciacchi e affanno”

te sento dì, ma grazzie a la Madonna,

sei ancora forte come ‘na colonna,

co quer pijo romano der comanno.

***

Sempre a combatte co la farmacia,

co li dottori e quanto che borbotti,

“lo intenno ch’è arivata l’ora mia”.

***

Ma io te posso dì, senza che sbotti,

vai granne nonna, mó sia quer che sia,

ma oggi hai superato anche Andreotti !!!

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Grande Ste’ e tanti AUGURONI a tu nonna che Dio ‘a benedica e te la mantenga a lungo.
    L’affetto pe li nonni e de li nonni è ‘na cosa particolare.

    Comment by 'svardoASR'29 — 6 Maggio 2013 @ 17:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>