Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Maggio 2013

L’umidità

L’umidità

***

L’umidità, spiegata in du’ parole

e senza velleità univerzitaria,

è l’acqua concentrata in dentro a l’aria

che va in percentuale, come vole.

***

Fin quanno resta media è ordinaria,

quarziasi tempo sia o pioggia o sole,

incide poco e poco se ne dole

‘gni omo e ‘gni esistenza, la più varia.

***

Ma quanno è arta, e spesso accade a Roma,

si è inverno inzinua l’ossa a scrocchià tutto,

si è estate fa sudà pellaccia e chioma.

***

E te se ‘nfila dentro, dapertutto,

fin’a annacquà perzino er cromosoma

che funzionava fino a ch’era asciutto.

***

Stefano Agostino

_______________________

  1. “E’ l’acqua concentrata in dentro a l’aria” e ” si è estate fa sudà pellaccia e chioma”: creative espressioni che descrivono l’umidità, straordinarie definizioni da vocabolario di romanesco doc!

    Comment by Silvio — 10 Maggio 2013 @ 09:07
  2. Ogni mattina mi ripeto sul sonetto giornaliero: Bellissimo!

    Comment by letizia — 10 Maggio 2013 @ 10:47
  3. la terzina finale è fantastica! :))

    Comment by Pablo BigHorn — 10 Maggio 2013 @ 16:02
  4. Allora sabato scorso ‘a percentuale d’umidità era arta e li pedatori nostrani se so’ perzo er cromosoma che vòr di’: A.S.ROMA.
    Speramio che l’urtime du’ giornate e barometro segnì “asciutto”, anche se ormai conta poco.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 10 Maggio 2013 @ 18:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>