Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Maggio 2013

Sòn…etto

Sòn…etto

***

Già er fatto che se intitola “sonetto”,

richiama indentr’ar nome melodioso,

un che de musicale e d’armognoso,

cantato giusto appena un po’ in farzetto.

***

Propio de “sòno” infatti è bisognoso,

 come a tradurre in musica er verzetto,

in modo tale da nun dà un effetto

ch’è cacofonico o ch’è rumoroso.

***

Pe questo c’è la metrica che impone

 l’accenti musicali a ’gni battuta,

in quarta o sesta, giusto a l’occasione.

***

È chiaro poi ’gni melodia è perduta,

pe quanto bella, si nun dà emozzione,

 come co ’na canzone, quann’è muta.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Ber sonetto, scòre via liscio e leggero, speciarmente se, ner mentre che lo leggi, cor penziero segui un motivo de ‘na canzone che je s’adatta.
    Sempre forte er sor Stefano.

    Comment di 'svardoASR'29 — 14 Maggio 2013 @ 09:13
  2. Ogni tuo sonetto suona come un inno, a seconda dell’argomento che tratta, le stagioni, le feste comandate, gli eventi di cronaca, l’AsRoma. L’inno al “Lunedì” è poi quello che ti riesce meglio …eheheh!!!

    Comment di Silvio — 14 Maggio 2013 @ 10:11
  3. Veramente bello il sonetto!

    Comment di letizia — 14 Maggio 2013 @ 19:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>