Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2013

Si nun me posso dà ‘na spiegazzione

Si nun me posso dà ‘na spiegazzione

***

Si nun me posso dà ‘na spiegazzione

a le domanne senza ’na risposta,

io credo, perloppiù, sia fatto apposta,

da Chi a ’sto monno ha dato creazzione.

***

Me spiego, armeno provo, perché è tosta,

che si nun riesco a famme ‘na raggione,

su chi è l’omo e qual è la missione,

è giusto che ’sta cosa sia anniscosta.

***

Si già sapessi pieno e co certezza,

noi che ce stamo a fà e qual è er cammino,

che fine poi farebbe la grannezza…

***

… che cià ‘gni omo sin da ch’è bambino,

che è er libbero arbitrio, la bellezza

d’annasse a costruì er propio destino.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Filosofia, antropologia, teologia, spiritualità amico mio, tutte le scienze umane hanno cercato una risposta: questa è la domanda delle domande, e la tua una dissertazione filosofica ai massimi sistemi!

    Comment di Silvio — 22 Maggio 2013 @ 08:50
  2. Magnifica poesia! LUI ci ha lasciati liberi di scegliere le vie che vogliamo, siamo artefici del nostro destino! Cerchiamo di scegliere bene.

    Comment di letizia — 22 Maggio 2013 @ 12:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>