Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Giugno 2013

Er perturbato

Er perturbato

***

Prima te lamentavi de l’Inverno

de pioggia, vento, freddo e quer che c’era,

che nun veniva mai la Primavera,

da scrive “VOJO ER CALLO” sur quaderno.

***

Poi è bastato un giorno, fino a sera,

ch’ha riscallato l’aria un po’ a l’esterno,

te sento dì: “me pare un mezzo Inferno”,

vai avanti a riccontà ‘sta tiri-tera.

***

Co quela colonnina de mercurio,

nun riesci mai a mettetece in pace,

manco che te portasse malaugurio.

***

Mó piove, mó c’è er sole, mó c’è vento,

ciài freddo, callo, tiepido, me spiace,

de vero c’è che nun sei mai contento.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Non siamo mai contenti: se fa freddo, se fa caldo, con la pioggia o con il sole. Gustiamoci la vita, prendendo quello che c’è di buono e ringraziamo il Signore per tutto e per sempre!

    Comment di letizia — 8 Giugno 2013 @ 11:12
  2. Sarve a tutti. Una vòrta se cantava:
    “Martin non t’arrabbiare,
    prendi il mondo così come viene.
    Martin non ti crucciare,
    se la vita è fatta di péne”.
    Perché che c’arabbiamo a fa’? Ce se perde pure ‘a salute.
    Adesso se la so’ scordata in tanti, meno noi romanisti.
    …..Lunedì 17? Chissà, pò esse’ che canto: “aggiungi ‘n posto a tavola….”

    Comment di 'svardoASR'29 — 8 Giugno 2013 @ 12:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>