Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 Giugno 2013

San bancomat, er 27 giugno

San bancomat, er 27 giugno

***

Tra un po’  tra buffi in bianco e conti in rosso,

ar bancomat, intenno a lo sportello,

la macchina dirà: “Sentime, bello,

si vòi un saluto, ma de più nun posso.

***

E nun te lamentà, nun fà un macello,

ritorna pure da ‘ndò te sei mosso,

nun me guardà così, nun m’hai commosso,

nun me inzurtà, mica so’ tu’ fratello!”

***

E invece de li sòrdi e der prelievo,

noi arimaremo tutti co un ber grugno,

a ripenzà a quer tempo, medio evo, …

***

… cor bancomat e tutto er monno in pugno.

  Primo sportello messo:  (nun sapevo) 

’67,  er ventisette giugno.

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Che tristezza. Quando ho avuto in tasca il mio primo bancomat, mi sembrava che avrei potuto comprare il mondo.

    Comment di letizia — 27 Giugno 2013 @ 09:26
  2. Mo che ce controlleno pure quanto laziale scarichi n’o sciacquone, ste tesserine so’ scommode pe chi evade er fisco. Io co la penzione fò du prelievi ar mese e pulisco er conto.

    Comment di 'svardoASR'29 — 27 Giugno 2013 @ 13:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>