Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Luglio 2013

E’ un probblemaccio la fame ner monno

È un probblemaccio la fame ner monno

***

“È un probblemaccio la fame ner monno,

che nun conosce credo, né bandiera”,

così a la FAO, sentita l’artra sera,

dar purpito a parlà in tono profonno.

***

Riuniti li capoccia de la Tera,

intenno dì quelli che tutto ponno,

pe contrastà la povertà e che vonno

combatte e cancellà la fame nera.

***

Ma a discore de ‘sto morbo infame,

ar tavolo, seduti tutto er giorno,

 a un tratto, embè, poi j’è venuta fame.

***

Tra un primo e un seconno cor contorno:

ar “probblemaccio, sì”, come ‘no sciame,

j’ha fatto eco un grosso rutto attorno!

***

Stefano Agostino

________________________

  1. So più vecchio che anziano, ma la memoria ancora m’assiste e m’ariporta a la mente li proverbì antichi; in de sto caso se dice:
    “Panza piena nun penza a quella vòta”.
    Aoh, so’ tutte verità, er monno cambia, ma li proverbì popolari so’ sempre gocce de saggezza.
    ……….
    Bòno l’acquisto de Lobont, armeno questo, Sabbatini, nun se l’è fatto frega’.
    ……….
    P’arispecchia’ ‘n magniera esatta l’annamento de la partita der 26 maggio c.a.; direbbe che più Julic, s’è trattato de ….Culic. Tutta sta differenza a la fine sta in una culata de Culic e in un destro su la traversa de Destro.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 2 Luglio 2013 @ 09:31
  2. Versi veri e amari: da una parte si fa la dieta per contrastare l’obesità, dall’altra si muore per mancanza di cibo.

    Comment di letizia — 2 Luglio 2013 @ 10:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>