Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Luglio 2013

Pasticca

Pasticca 

 ***

Te chiameno “Pasticca” nun a caso,

ma no pe droga, anche si er confine,

co chi se stà a imbottì de medicine,

ce va vicino, mejo, raso raso.

***

Ma poi, si eri malato, aveva un fine

e, invece, armeno a occhio, a tatto e a naso,

nun ciài un probblema, giusto un ber travaso

de quer cervello, come ho visto ar cine.

***

Fai spola tra dottore e farmacia,

ar punto che oramai stanno in vedetta,

e quanno arivi te scappeno via.

***

E come fa tu’ moje a datte retta,

ché co te cià, ch’è sì da malatia,

pe lista de la spesa ‘na ricetta.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Tra pasticca e pillola me pare che nun c’è differenza, si c’è è minima.
    Ecc’a pillola ch’ho letto, ieri, su “Pagine Romaniste”: http://www.pagineromaniste.com/nuovo-stadio-tordi-valle-la-denuncia-di-legambiente/
    Me pare de capi’ che, tramite Legasmbiente, er nòvo corso politico der Campidojo, mette li bastoni tra le ròte ar progetto de lo stadio a Tor di Valle.
    Er penziero der giorno potrebbe esse’ ‘a conseguenza? Visto che stamo ‘n tema de cessioni?

    Comment by RomamoR AsR '929 — 5 Luglio 2013 @ 08:55
  2. L’argomento medicinali mi evoca una frase del maestro boemo riferita ai calciatori: “I farmaci sono per i malati, non per atleti sani!”. E comunque in generale più se ne sta alla larga, meglio è!

    Comment by Silvio — 5 Luglio 2013 @ 14:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>