Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Luglio 2016

Dar Vangelo der giorno: “Marta e Maria”

Dar Vangelo der giorno: “Marta e Maria”

***

Gesù, un ber dì, va ospite da Marta,

che a casa inzieme, a faje compagnia,

ciaveva la sorella sua, Maria,

sorella nun sortanto su la carta.

***

Questa, co Gesù lì, anima pia,

quarziasi artra attività la scarta,

sa che l’ha d’ascortà, certo nun sarta

nimmanco ’na parola der Messia.

***

Invece Marta s’aggita e s’affanna,

pe fà stà bene l’ospite e protesta

co la sorella che nun move spanna.

***

E lì Gesù: “Vedi Maria che testa?

Sta ’ndò sta er mejo e quinni nun s’addanna,

come fai tu, perdennote ’sta festa”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Molto bello! Ascoltare la Parola è la cosa migliore da fare.
    Buona domenica.

    Comment di letizia — 21 Luglio 2013 @ 13:56
  2. Come l’urtime Domeniche, Stefano ce sta abbituanno a er ricordo der Vangelo.
    Quello de oggi ce fa capi’ che è mejo ascorta’ la parola de Lui: Porta de l’Eternità; che dannasse la vita p’appari’ ‘n questa vita.

    Comment di 'svardoASR'29 — 21 Luglio 2013 @ 17:58
  3. Gesù, un ber dì, va ospite da Marta,
    che a casa inzieme, a faje compagnia,
    ciaveva la sorella sua, Maria,
    sorella nun sortanto su la carta. … (continua)

    Comment di Stefano — 17 Luglio 2016 @ 06:52
  4. Bello il sonetto e Bellissimo il Vangelo: ci invita ad avere comprensione ed accoglienza e oggi non è tanto semplice (ma forse anche a quei tempi non era facile).
    Buon resto di Domenica!

    Comment di letizia — 17 Luglio 2016 @ 14:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>