Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Luglio 2013

Er “royal baby” è nato

Er “royal baby” è nato

***

Er “royal baby” è nato, finarmente.

L’erede ar trono, lui, pe successione,

pesa tre chili e sette, è un ber pupone,

è maschio, e frigne e strilla regarmente.

***

Evento da mannà in monnovisione,

nun solo pe l’ingresi, chiaramente,

ma pe un’infinità, che c’è, de gente

che vive de ‘st’eventi co passione.

***

E seguirà de certo ‘sto bambino,

er “royal baby”, senza perde un acca,

dar “royal ciuccio” ar “royal pannolino”.

***

E ce sta pure chi in camicia e giacca,

è pronto a fà er servizzio da vicino,

quann’er pupetto fa la “royal cacca”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Anche oggi trovo un sonetto carino che fa sorridere.
    Buona giornata a tutti.

    Comment di letizia — 23 Luglio 2013 @ 09:20
  2. Aoh, sarà de “royal schiatta”, ma a me nun me ne pò frega’ de meno. E’ stato mejo quanno so’ nati li regazzi mia.
    C’avemo avuto er tormentone de la Rodriguez Belen, è passoto o passerà sto “royal torment”, mo c’è in arivo quello de l’oca giuliva: ‘a Marini che, sta vòrta, nun ha da anna’ ‘n crociera.
    Dimola franca e schietta: MA CE FREGAAAAA!!!! Tanto nun ce se mette la pila sur fòco.

    Comment di 'svardoASR'29 — 23 Luglio 2013 @ 09:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>