Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Agosto 2013

Roma d’Agosto

Roma d’Agosto

***

Godesse Roma ch’è er mese d’Agosto,

pe riggiralla ar mejo, senza intoppi,

senza l’ingorghi, er traffico e li stoppi,

de quann’è piena e ‘gnuno sta ar suo posto.

***

Se vive in de ‘gni angolo che sgroppi,

da quello conosciuto ar più anniscosto,

e come er vino bono viè p’er mosto,

er fatto che l’apprezzi è che nun schioppi.

***

Roma a Agosto è tutta un’artra cosa,

nimmanco sembra quella che de ‘nverno

nun se rallenta mai, né s’ariposa.

***

Perciò si pe la crisi e ‘sto Governo,

nun posso annà in vacanza, io guardo er rosa,

vivenno ‘sta città, goccia d’Eterno. 

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Bongiorno e bon mese a tutti. C’ho l’impressione che ‘st’agosto nun sia tanto semprice girà pe Roma. La gente nun parte, arimane guasi tutta a Roma, ce so’ li turisti, li mezzi pubblici ridotti; insomma Roma nun se svòta. Mettemoce pure er casino der traffico, conseguente a la pedonalizzazzione de via de l’Impero ops, de li Fòri Imperiali, no de li Fòri Romani o pe mejo di’: de le Rovine de Roma Antica, quelle der presente le trovi sparse dappertutto in periferia..

    Comment by 'svardoASR'29 — 1 Agosto 2013 @ 08:10
  2. BUON AGOSTO A TUTTI!
    Io andavo in ferie a luglio proprio per godermi Roma nel mese di agosto: ma ormai, è un po’ di tempo che Roma è sempre affollata e non solo da turisti.

    Comment by letizia — 1 Agosto 2013 @ 09:57
  3. Io non sono mai rimasta a Roma più in là del 5 agosto…

    Comment by principessa — 4 Agosto 2013 @ 07:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>