Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Agosto 2013

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

***

Pe dà un accenno storico, pur breve,

intorno a l’anno quattrocentotrenta,

Libborio, er Papa, volle fà contenta

la Vergine Maria, come se deve…

 ***

… Lei fece scenne er cinque agosto lenta,

soffice, bianca, lucida e più lieve,

su l’Esquilino, er colle, fitta neve,

e lui ce gettò su le fonnamenta…

 ***

… pe costruì Santa Maria Maggiore,

lì in su quer ber perimetro innevato,

miracolo vestito de candore.

 ***

’Sto fatto viè ’gni anno aricordato,

co petali de rosa bianca e er fiore

che fioccheno dar tetto sur sagrato.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. C’è mancato poco, ché se Caronte aritardava, se sarebbe aripetuta la nevicata ar naturale.
    Bello che se pò ancora aricordà sto miracolo co quello ch’è addiventato l’Esquilino. Lì tra poco se celebrerà Budda o quarche artra divinità cinese.
    Vabbe’ fa de Roma ‘na città cosmopolita, ma nun damoje le posizioni andove ce so’ più ricordi tradizzionali de Roma.
    So’ armeno ventanni ch’hanno dato er via libbera a l’invasione senza regole. Pe carità cristiana nun vojo menziona’ li corpevoli.

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Agosto 2013 @ 09:01
  2. Caro ‘svardo, hai fotografato la situazione e concordo in pieno con quanto hai scritto.
    P.S.: il sonetto è proprio bello!

    Comment di letizia — 5 Agosto 2013 @ 10:57
  3. Il Sonetto è bello, chettodicoaffà… Ma stavolta il “pensiero del giorno” è deppiù, è geniale: Alla Lazio solo un’ammenda. Motivazione: la società sta già scontando la pena di esistere.

    Comment di Pablo BigHorn — 5 Agosto 2013 @ 19:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>