Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

11 Novembre 2009

Ciao Donna Flora

f_violaCiao Donna Flora

 

Sei arisalita p’abbracciatte Dino,

e riccontaje quer che poi è successo,

da quanno è annato via,  fino a adesso,

je starai a fa’ vede’ tutt’er cammino.

 

L’anni de Ciàrapico e de riflesso,

‘r duo Mezzaroma-Sensi (che declino!),

poi ‘n mano a Franco cambia er destino,

la Roma torna da “GRAZZIE LO STESSO”.

 

Pe’ ‘n rattristallo, tu, nun dirai gnente,

de com’è ridotta la Roma ora,

stringendote Luisa, dorcemente.

 

Sei sempre stata ‘na vera signora,

la prima (e sola) donna Presidente,

‘n’abbraccio fin Lassù, ciao Donna Flora.

 

Stefano Agostino

  1. Che classe…che dignità…che modestia…è un peccato che qualcuno abbia avuto tali modelli e che non l’abbia seguiti…concordo appieno con il fatto che sia stata l’unica donna Presidente…guardate qui…
    http://www.youtube.com/watch?v=hTBl_f9dISw
    altri tempi…altre persone…altre dimensioni di rappresentatività…che nostalgia!

    Comment di Daniele Sololupo — 11 Novembre 2009 @ 09:33
  2. Sei stata una donna grande che nell’arco di 40 giorni alla Presidenza della Roma, dopo la scomparsa di Dino Viola, c’ hai fatto vincere la Coppa Italia; hai sempre seguito in trasferta la magica e nonostante gli insulti soprattutto in terra straniera, hai egregiamente dimostrato amore per questa maglia e per tutta la città…Non aggiungo altro se non un Grazie per tutto ciò che hai fatto.
    Addio Donna Viola, salutami Dino!!!

    Comment di Adriano — 11 Novembre 2009 @ 10:38
  3. Donna di grande stile e dignità. Una vita accanto all’amato marito Presidente, e poi che tenerezza quando tra le sue mani si è ritrovata la nostra AsRoma! Le abbiamo voluto bene. Chi ama questa bandiera non può non sentire affetto e riconoscenza per Flora Viola, persona integra e discreta, che non ha mai sporcato questi colori, ma al contrario li ha semplicemente rispettati per rendere onore alla memoria del marito. Se ne va con lei un breve ma significativo pezzo di storia giallorossa.

    Comment di Silvio — 11 Novembre 2009 @ 11:10
  4. Grazie.

    Comment di Dania — 11 Novembre 2009 @ 13:21
  5. Daniele, Adriano, Silvio, Dania, grazie per la vostra partecipazione.

    Comment di Stefano — 11 Novembre 2009 @ 15:21
  6. 🙁

    Comment di Principessa — 11 Novembre 2009 @ 19:39
  7. che emozione questo sonetto…..degno di una Grande Donna…complimenti Stefano…..sei davvero bravo!!!

    Comment di pina — 12 Novembre 2009 @ 13:28
  8. Solo un pensiero e un silenzio per questa donna meravigliosa

    Comment di Marco Pistoia — 12 Novembre 2009 @ 15:06
  9. Principessa, Pina, Marco, grazie di cuore anche a voi e benvenuti in questo sito.

    Comment di Stefano — 12 Novembre 2009 @ 21:00
  10. Hai proprio ragione fratello mio…. esempio di una classe e signorilità che non è più possibile trovare oggi. Oggi ch’è tutto marcio, com’era allora, co gli Agnelli e poi coi Moggi, ma almeno si sapeva….Oggi ch’è marcio più di prima, e nemmeno si sappia in giro….

    Comment di Paolo — 16 Novembre 2009 @ 17:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>