Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Novembre 2009

Er leghista

Tags: , , , ,

lega-nord

Er leghista

***

Quanno te sento dì “Roma ladrona”,

me fai ‘na pena che nun me se spiega,

“verde” de rabbia e tu che urli “Lega”,

e vai gridanno che lei “nun perdona”.

***

Ma sai a Roma quanto je ne frega,

la CAPUT MUNDI mica se sportrona,

pe quer Caroccio, pe chi ce se abbona,

e “ce l’ha duro” pe fasse ‘na sega.

***

Quanto te rode e stai a fà la schiuma

qui a Roma er sole, er clima e l’aria fresca,

tu ar freddo de la nebbia e de la bruma.

***

Così a Pontida o a Vattelappesca,

che pure a agosto er fiato te fuma,

te sogni la Padania romanesca…

***

Stefano Agostino

______________________________

 

  1. Poveretti sti leghisti, corrosi dal livore,
    che invece di guardare avanti e aprire porte e cuore,
    presuntuosi si sentono razza superiore.
    Controcorrente, integralisti della discriminazione,
    anacronisti contro un mondo in evoluzione,
    perchè il futuro della terra è l’integrazione.
    Noi semo de Roma, città aperta e generosa,
    che invece del disprezzo e dell’invidia velenosa,
    campiamo d’ironia e di aggregazione, e qualsiasi cosa
    la risolviamo litigando ma senza odio razziale,
    da secoli consideriamo la tolleranza fondamentale,
    tanto sulla sulla stessa barca ci tocca navigare.

    Comment by Silvio — 12 Novembre 2009 @ 11:35
  2. Il “capo supremo” dell’Inail, nativo di Busto Arsizio e simpatizzante della Lega Nord, è in carica da un anno e mezzo ed è ancora QUA (e nu’ skioda) 😀

    Comment by Principessa — 12 Novembre 2009 @ 20:30
  3. Ma che vòi di’ e che pòi fa’. Quello der nord c’hanno poco da ruga’. So’ magna polenta, ma quì se fanno l’amatriciana e ce scialeno a la romana. E’ pe’ questo che so’ ‘nvidiosi, lividi, gialli e puro accidiosi. Nun so’ capaci d’ave’ serenità e a testa bassa nu j’aresta che lavora’. Nun vedeno l’ora de becca’ le ferie pe veni’ aquà a smarti’ le vojie de sole e gloria che sprime Roma nostra. Aresta sempre bono quer che dice: ” Eppure tra ‘sto popolo che tie’ le braccia stese c’è sempre quarche zotico venuto dar paese, che pe’ la gratitudine dop’essese scafato, lui a dicenno p’n giro che Roma l’ha spojiato. Ar posto de le scarpe c’aveva le ciocie.”

    Comment by ?svardo — 13 Novembre 2009 @ 10:22
  4. Quanto rancore e quanta invidia, quante urla contro Roma quando sono loro i primi a fare i loro porci comodi nella citta’ eterna. Si insulta e si offende quando nn si hanno argomenti…e come diceva qualcuno “Me dispiace, ma io so io e voi non siete un caxxo!”

    Comment by Federica_Perla — 13 Novembre 2009 @ 15:46
  5. “che schiava di Roma Iddio la creò” : è soprattutto per questo verso che vogliono cambiare l’inno d’Italia! e beh, certo che ie rode tanto! a ‘sti ladri!!!!!

    Comment by letizia — 13 Novembre 2009 @ 20:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>