Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Settembre 2013

Venti de guera

Venti de guera

***

Venti de guera soffieno sur monno,

la crisi in Siria e quer che sta a succede,

l’America ch’è pronta già sur piede

de guera e come sempre spigne a fonno.

***

Ma a parte li discorzi su la fede,

‘na cosa fa paura e toje er sonno,

che si succede, in Siria, questi vonno

risponne co le armi a chi li lede.

***

Così se va a rischià de fà un conflitto,

tutt’artro che chirurgico e indolore,

o senza conzeguenze o circoscritto.

***

Co chi pe un quarche atavico rancore,

è stanco de ‘sto monno e de ‘sto vitto,

e è pronto a fallo a pezzi in un par d’ore.

***

 Stefano Agostino

____________________________________

  1. La guerra è qualcosa di inumano che non fa alcun vincitore, ma tutti perdenti o morti. Il genere umano dovrebbe rinsavire.

    Comment di letizia — 4 Settembre 2013 @ 10:56
  2. La situazione è assai critica e speramo che c’aripenseno ‘n tempo, prima de scatena la reazione siriana. Si succede quelli nun guardeno ‘n faccia nessuno e c’hanno er gasse nervino. Se l’hanno adoprato contro li stessi siriani, figuramece che je ‘mporta der monno esterno.
    Ar principio de dumila c’era ‘na previsione: “in Asia/Mediorente, uno stato accerchiato, si difenderà con armi totali”; me so’ fatta ‘na risata a leggelo e, mo che m’o ricordo, nun rido più.

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Settembre 2013 @ 15:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>