Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Settembre 2013

Venero er venerdì

Venero er venerdì

***

C’è er venerdì, e se produce ancora,

e che nun vada fòri produzzione,

a fà tornà er soriso e l’opignone

ch’è un giorno novo già da quann’è aurora.

***

Si nun è ancora piena perfezzione,

è come l’acquolina che assapora

 er bon aroma a tavola a chi odora,

prima che je se ‘mpiatti la porzione.

***

Comincio de quer fine settimana,

ch’è come arzà er sipario a la letizzia,

fà ‘na salita, quanno che se spiana.

***

E se sgoccetta già da quanno inizzia,

ché riesce a scaccià via e mannà lontana,

 ‘gni cosa che fa rima co mestizzia.

***

  Stefano Agostino

____________________________

  1. ‘Sto giorno è proprio “come l’acquolina che assapora er bon aroma a tavola a chi odora”… E’ come vedere la luce fuori dal tunnel, toccare la spiaggia dopo aver nuotato tanto in mare aperto, togliersi le scarpe strette dopo una dura giornata, pregustare il piacere di qualcosa di veramente piacevole: insomma anch’io adoro il venerdi!!!

    Comment di Silvio — 6 Settembre 2013 @ 09:25
  2. Bello! e Silvio ha detto tutto!

    Comment di letizia — 6 Settembre 2013 @ 11:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>