Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Settembre 2016

Dar Vangelo der giorno: “la pecorella smarita”

Dar Vangelo der giorno: “la pecorella smarita”

***

“Qual è er pastore che va in de ‘gni dove,

p’aritrovà la pecora perduta,

pure ch’è la più sola e più minuta,

e ce n’ha già, pe dì, novantanove.

***

O quale donna nun cerca, cocciuta,

puranche che ce n’ha ben artre nove,

la dramma perza e a casa move e smove,

fin quanno nun la trova o nun la fiuta.

***

E a lo stesso modo in Paradiso,

‘gni vorta se converte un peccatore,

c’è Dio che se rallegra e fa un soriso…

***

… ancora co più gioja e co più amore

de quello pe ‘gni giusto, ch’è già intriso

de santità, ché Dio già ce l’ha a còre”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Bello! Spero di essere nel novero delle novantanove…
    Buon fine settimana a tutti!

    Comment by letizia — 14 Settembre 2013 @ 10:32
  2. Sonetto giusto pe me; me so’ perzo e nun ariescheno atrovamme.

    Comment by 'svardoASR'29 — 14 Settembre 2013 @ 12:46
  3. “Qual è er pastore che va in de ‘gni dove,
    p’aritrovà la pecora perduta,
    pure ch’è la più sola e più minuta,
    e ce n’ha già, pe dì, novantanove. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 Settembre 2016 @ 07:13
  4. Buon meriggio. Ho l’impressione che, con i tempi odierni, il pastore dovrà andare alla ricerca delle 99 pecorelle smarrite, mettendo al sicuro, nell’ovile, l’unica pecora rimasta. Opera improba che, speriamo, riuscirà al Signore. Aspetto di essere rintracciato.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 11 Settembre 2016 @ 14:03
  5. Me sa tanto che ‘svardo c’ha raggione!
    Buon resto di giornata.

    Comment by letizia — 11 Settembre 2016 @ 15:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>