Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Settembre 2013

Fa’ er primo passo

Fa’ er primo passo

***

Fa’ er primo passo e tutti l’artri appresso

ce anneranno guasi de rimanno,

vedrai che li farai poi sartellanno,

nun aspettà er momento, fallo adesso!

***

Ché arimané ner dubbio è un auto-inganno,

te immobbilizza manco fosse er gesso,

e poi finisce che te impicci spesso,

così che ciài la beffa, ortre che er danno.

***

Più passa er tempo e più te leghi ar palo,

si nun te riesci a scioje e passa er treno,

nun ce la fai a salì, fermo a lo scalo.

***

E quanno che l’hai perzo, cor veleno,

nun protestà, ché nun ciài mai un regalo,

ché a Dio nun je ne pò fregà de meno.

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Carpe diem!
    Tempus fugit!
    Homo faber fortunae suae!
    Errare humanum est, perseverare autem diabolicum!

    Comment by Silvio — 18 Settembre 2013 @ 10:05
  2. Bello! Bisogna cercare di salire al volo su quel treno che passa e non si ferma!

    Comment by letizia — 18 Settembre 2013 @ 10:22
  3. Ormai sto a aspetta’ che st’urtimo treno se ferma. Ho cercato e sperato d’ave’ preso i treni giusti, ma quarche convojo s’è fermato pe strada, come li buss de l’ATAC, e quarche artro s’è fermato a ‘na stazzione secondaria. Cmq, nun so’ mai arivato a la stazzione pe la quale ho staccato er bijetto. Sempre uguali le ferovie, sai come parti e mai come arivi. Nun so se s’è trattato de jella o de mancanza de … c..o.
    Cmq ancora sto ‘n viaggio: l’urtimo; ando’ se ferma se ferma, nun me ne frega più gniente.

    Comment by 'svardoASR'29 — 18 Settembre 2013 @ 11:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>