Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Settembre 2013

Riciclo de monnezza

Riciclo de monnezza

***

Tra un po’ pe fà er riciclo de monnezza,

ce vò ‘na laurea in chimica applicata,

co ‘sta riccorta ch’è differenziata,

seconna der prodotto e la fattezza.

***

Nun solo più la robba plasticata,

er vetro co la carta, che bellezza, 

pe ‘gni rifiuto ormai qui ce s’attrezza

cor secchio ‘ndò infilà la cosa usata.

***

Pe quante sò le buste der rifiuto

a casa nun se trova più lo spazzio,

‘ndò mette li cestini e er devoluto.

***

 Ma de secchioni nun sarò mai sazzio,

fin quanno l’AMA nun verà in aiuto

pe mette quello ‘ndò buttà la Lazzio.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Io mi sono studiata l’opuscolo AMA che spiega COSA buttare e DOVE…

    Comment di principessa — 24 Settembre 2013 @ 09:05
  2. Circa l’ultima strofa, l’Ama sta per distribuire i secchioni marroni…ahahah!!! Ahò a proposito de lazziali: ma ‘ndo sò finiti??? Qualcuno l’ha visti???

    Comment di Silvio — 24 Settembre 2013 @ 09:38
  3. L’ultima strofa è un capolavoro!

    Comment di letizia — 24 Settembre 2013 @ 11:07
  4. Faccio ‘a differenziataar mejo possibbile co 3 contenitori: uno pe li cartacei; n’antro pe plastica, vetro e barattoli (poi li divido ne le buste:vetro,plastica,barasttoli); e ‘n’antro pe er cosiddetto “Umido”. So’ ligio a le norme, ma ‘n cucina nun so più come moveme.
    Pe butta’ ‘a lassio c e vòle er secchione pe li liquami: stanno tutti c’a “fuggitiva”.
    A proposito; voleveno noleggia’ l’aroplanino pe scappa da Roma, ma er proprietario nu’ je l’ha dato; dice che “j’hanno scassat’a mi…ia”.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 24 Settembre 2013 @ 11:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>