Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Settembre 2013

Comincio d’Autunno

Comincio d’Autunno

***

Ner mentre che s’accorcian le giornate,

e viè da piagne a rivestì a “cipolla”,

la brezza de matina a le midolla,

te fà capì che se n’è ita Estate.

***

E pure chi barcolla, ma nun molla,

ha da aumentà er vestiario e mette a rate

quarcosa sopra si nun vò fà er frate

carmelitano e dopo caracolla.

***

E si de giorno er sole ancora brucia

quanno ch’è notte, senza ‘na coperta,

è un eccessivo slancio de fiducia.

***

Ché er cèlo, e nun è mica ‘na scoperta,

quanno che a l’arba co le stelle inciucia,

tra smanicà e coprì, nun te dà scerta. 

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Ieri a mezzogiorno c’erano 28 gradi 😀

    Comment by principessa — 25 Settembre 2013 @ 09:08
  2. Ahò mò la notte co ‘sto freschetto se comincia a sta’ bene sotto le pezze, e poi la mattina nun te dico…eheheh?

    Comment by Silvio — 25 Settembre 2013 @ 10:32
  3. Questa mattina mi sono alzata alle 10, e a letto si stava di un bene….Comunque l’autunno è dolce. Buon autunno a tutti!

    Comment by letizia — 25 Settembre 2013 @ 10:50
  4. E’ vero, ‘ncomincia a fasse dura arzasse la matina; c’è quer tepore che te fa ‘nnammora’ der letto.
    Mo’ ‘ncominceno li probblemi de come vestitte e a me, er sistema cipolla, nun me piace. M’ho da arangia’.

    Comment by 'svardoASR'29 — 25 Settembre 2013 @ 10:56
  5. Stasera c’è Samp > Roma. Chissà, se potrebbe organizza’ ‘na pizzata d’ottobre; sarebbe bello se accompagnata da la sesta vittoria.

    Comment by 'svardoASR'29 — 25 Settembre 2013 @ 11:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>