Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Ottobre 2013

Lode ar Sabbato

Lode ar Sabbato

 ***

Er Sabbato se merita ‘na lode,

er bacio d’Accademia e er 110,

da sempiternamente prenne er “10”,

che je se scriva, poi, ‘na quarche ode.

***

Er Sabbato se merita le preci,

riceve premi senza fà le code,

e vince sempre ar passà de mode,

de gusti e chi li fa o ne fa le veci.

***

Se merita l’onori e li tribbuti,

che ‘gni omo j’ha da fà in tutt’er monno,

co riconoscimenti, allori e aiuti.

***

E er mio ringrazziamento più profonno,

pe tutti l’ore e tutti li minuti,

dar primo fino a l’urtimo seconno.

***

Stefano Agostino

__________________________________

  1. Sabato: che sia il giorno più bello della settimana… lo dirò stasera, dopo inter-ROMA!

    Comment di letizia — 5 Ottobre 2013 @ 13:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>