Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Ottobre 2013

Er difettaccio mio

Er difettaccio mio

***

De difettacci io ce n’ho dumila,

senza elencalli tutti, ch’è nojoso,

nun ce n’è uno solo che nun sposo,

basta penzalli tutti messi in fila.

***

Ma quello ‘ndove eccello, strepitoso,

ché so’ più forte de “Abbebe Bikila”,

‘gni avverzario presto se defila,

già ce lo sai qual è: so’ permaloso.

***

Nun me se pò dì gnente, me la prenno

che “Drizzo er pelo” e sor “Coda de paja”,

de fronte a me, li sento dì: “M’arenno”.

***

Ma l’artra faccia mia de ‘sta medaja,

nun vojo dì scusante, nun pretenno,

è “senzibbilità” che dà battaja.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Che te posso di’!? Nun sei er solo. Semo tanti.

    Comment di 'svardoASR'29 — 8 Ottobre 2013 @ 09:05
  2. E’ ‘n difettuccio, ma de quelli che c’avemo tutti, molto peggio èsse buciardi, fanfaroni, falsi, maldicenti, invidiosi, ipocriti, inaffidabili, o peggio èsse laziali…!!!

    Comment di Silvio — 8 Ottobre 2013 @ 09:13
  3. Il peggior difetto è essere laziale, se poi il laziale è pure permaloso….

    Comment di letizia — 8 Ottobre 2013 @ 11:27
  4. Anche io sono piuttosto permalosina (ma in compenso ROMANISTA)

    Comment di principessa — 8 Ottobre 2013 @ 15:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>