Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Ottobre 2013

Erich Prieb(madde)ke

Erich Prieb(madde)ke

***

Nun famo scherzi: a avello sopportato

fin’a cent’anni ne la Capitale,

me pare sia ben più che anormale

ma adesso basta, mó che se n’è annato.

***

Che je volemo fà? Un funerale?

Certo e magari, che ne so, de Stato,

ma pe fortuna che c’è er Vicariato,

ch’ha detto “no” ar rito seporcrale.

***

Pe un criminale, co mani assassine,

che nun s’è mai pentito de l’eccidio

commesso lì, a le Fosse Ardeatine…

***

… er funerale (e già me dà fastidio)

je lo farebbe fà ortreconfine,

senza nimmanco un euro de sussidio.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Non so che dire: Gesù ha detto di amare i nemici, ma come si fa con gente come questa!

    Comment di letizia — 14 Ottobre 2013 @ 11:19
  2. Nun capisco tanta polemica e l’insistenza de l’avvocato.
    Possibbile che nun semo bòni de fa ‘na cosa semplice, semplice?
    Abbasta de ‘ncassettalo, cricallo0 sopre un treno e spdillo a casa sua, ‘n Tedesconia. Là c’avranno da penza’ l’eredi de chi j’ha ordinato l’eccidoio e artre nefande marvagità.
    Er fatto è che la sinistra ce sguazza drento la polemica.
    Ner caso specifico de le Fosse Ardeatine, sarebbero da mette a la pari: la causa, (Bentivegna) e l’effetto, (Priebke).
    C’era un trattato di Ginevra che prevedeva, per tutti i belligeranti, in caso di attentati agli occupanti, la ritorsione di 10 a 1. Bentivegnia non poteva non sapere la conseguenza del suo atto, se non si fosse costituito.
    Questo, no per polemica, ma per amore della verità.

    Comment di 'svardoASR'29 — 14 Ottobre 2013 @ 12:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>