Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Ottobre 2013

L’ispirazzione

L’ispirazzione

***

Si aspetti a sede lì l’ispirazzione,

nun scrivi un verzo, manco si t’ammazzi,

è inutile che sbraiti e te ce incazzi:

nun va a comanno mica un’emozzione.

***

Nun ce raggioni, né ce fai ‘ntrallazzi,

cor còre quanno emette senzazzioni,

lui campa de momenti e de passioni,

che nun pòi controllà, nimmanco a sprazzi.

***

Invece quanno smorzi un po’ er cervello,

e, ner silenzio, je tenni l’orecchio,

vedrai che sentirai sortanto quello.

***

E allora sì che ariverà quer verzo

che l’aspettavi fino a fatte vecchio,

pe riequilibbrà te co l’univerzo.

**

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Testa e còre, ragione e emozioni, cervello e passione! Ricetta semplice ma difficile: l’equilibrio perfetto tra ‘sti due elementi rende l’omo felice!

    Comment by Silvio — 15 Ottobre 2013 @ 09:12
  2. Bellissimi questi versi: esortano a seguire il cuore!

    Comment by letizia — 15 Ottobre 2013 @ 09:44
  3. Vivere raziocinando, chiude la porta alle emozioni che lasciano piacevoli ricordi.
    La vita vuole emozioni, altrimenti che vita sarebbe?!

    Comment by 'svardoASR'29 — 15 Ottobre 2013 @ 17:18
  4. A Stefano sei troppo bravo ,sei un mito bay Mario

    Comment by mario — 21 Ottobre 2013 @ 08:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>