Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Ottobre 2016

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

***

Gesù j’ariccontò der fariseo

cor pubblicano e la preghiera ar Tempio,

er primo a dì: “Io sì che so’ un esempio,

nun faccio er ladro e nun so’ mica un reo.

***

Nun vivo, certo, come pò fà l’empio,

e pago quer che devo e qui me beo

d’arecità: “Gloria in excelsis Deo”,

de grazzie co ‘sta bocca me ce riempio”.

***

Er pubblicano invece a testa bassa,

diceva a Dio: “So’ un granne peccatore,

abbi pietà de me e de ‘sta carcassa”.

***

E Dio che riesce a misurà l’Amore,

ar fariseo je disse: “Tu aripassa”,

er pubblicano perdonò de còre.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Conosco certi perzonaggi boriosi e strozzini, che li vedi esci da la Chiesa co’ ‘n’aria soddisfatta ner mette ‘na monetina ner bicchiere de l’elemosinante, com’a di’: vedete io so’ benefattore. Li carci ……

    Comment di 'svardoASR'29 — 27 Ottobre 2013 @ 09:53
  2. Anche oggi è bello leggere il Vangelo in rima romanesca!

    Comment di letizia — 27 Ottobre 2013 @ 12:36
  3. Gesù j’ariccontò der fariseo
    cor pubblicano e la preghiera ar Tempio,
    er primo a dì: “Io sì che so’ un esempio,
    nun faccio er ladro e nun so’ mica un reo. … (continua)

    Comment di Stefano — 23 Ottobre 2016 @ 08:01
  4. Bongiorno. Ce sta pure ‘n’antra parabbola ner Vangelo, nun m’aricordo de chi, che ce aricconta, che er fariseo, donanno ‘n ricco obolo, s’avanta der gesto e chiede ‘n posto de preferenza ‘n Paradiso, ner mentre er pubblicanno confessano d’esse ‘n peccatore, se scusa de pote’ offri solo ‘na piccola moneta. Dio farà la tara su sti fatti, perché er pubblicano fa l’offerta privannose de quarc’osa pure necessaria, mentre er fariseo nun se leva gniente da ‘e ricchezze che tie’. Vale de più ‘na piccola elemosina de ‘n povero, che il dono di una ricchezza da parte di un ricco, che non si priva nemmeno del superfluo.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 23 Ottobre 2016 @ 13:27
  5. L’orgoglio del fariseo è contrapposto all’umiltà del pubblicano, che non osa neppure alzare gli occhi al Cielo: ma Dio, che legge nel cuore degli uomini,accetta la sua umiltà e lo perdona!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 23 Ottobre 2016 @ 14:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>