Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Novembre 2013

Er buco nero

Er buco nero

***

Er cosmo smisurato e più profonno,

è tutto ancora avvorto dar mistero,

se pò teorizzà, ma poi si è vero,

nun se potrà sapé mai fino in fonno.

***

Tra tutti li misteri er buco nero

è quello più incredibbile, si è un monno

che fa spavento da levacce er sonno,

potenno risucchiasse er cosmo intero.

***

La gravità se inghiotte tutto quanto,

materia, spazzio, tempo, aria e luce,

precipita ner buco senza schianto.

***

Chissà da l’artra parte ‘ndò conduce?

Certo che me darebbe gusto arquanto

mannacce chi de Roma taja e cuce. 

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Ahò io c’avrei un bel po’ de gente da infilà dentro a ‘sto buco, ma proprio tanta tanta che c’è pericolo che poi s’attappa…!!!

    Comment di Silvio — 5 Novembre 2013 @ 09:38
  2. Se ognuno di noi ci potesse mandare tutti i rompi, veramente ci vorrebbe l’attrezzo che stappa i lavandini!

    Comment di letizia — 5 Novembre 2013 @ 12:46
  3. Io,’nvece, nun so’ der parere de mannalli tanto lontano, abbasta er nostro semprice “VAFFAN…..” E’ più diretto e schietto e nun c’ariempie de m…a l’Universo. So’ sicuro che ce n’entreno de più a “quer paese” che dentro a ‘n buco nero e è più economico: nun dovemo compra’ ‘o “stappa lavandino”.
    Che ne dite de mannacce pa primo l’arbitro sor Banti?

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Novembre 2013 @ 13:03
  4. D’accordo co’ ‘svardo ce l’ho mandato un miliardo di volte!

    Comment di letizia — 5 Novembre 2013 @ 19:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>