Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Novembre 2013

Paolini, “er disturbatore”

Paolini, “er disturbatore”

 ***

Te chiameno così: er disturbatore,

nimmanco fosse un titolo o un mestiere,

sarebbe come a dì: “filibustriere”,

e èsse preso poi pe un gran signore.

***

Invece a riccontà le cose vere,

te meriti er più sommo disonore,

co ‘sta prostituzzione der minore,

sei avanzo solo de patrie galere.

***

E adesso te ne vai dietro a le sbare,

co la celebbrità tra le tue mire,

che dà ‘st’accusa lurida e vorgare.

***

Chissà si già stai a prenne le misure

de cella e gabbio e fama da du’ lire,

in carcere a cercà l’inquadrature.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Un verme come questo merita solo di andare a spaccare le pietre, o in miniera, a fare qualcosa che non ha mai fatto: lavorare!!!

    Comment by Silvio — 12 Novembre 2013 @ 09:42
  2. E’ un gran porco: qualsiasi cosa subirà, sarà sempre troppo poco.

    Comment by letizia — 12 Novembre 2013 @ 13:04
  3. A ‘sta gente ce vòle swolo la castrazzione manuale (strappajelo co’ un ber par de tenaje ‘nfocate) eppoi, tipo ‘a barzelletta de li due ‘nferni – itagliano e tedesco, tutte le sante matine ‘na basto9nata sotto le piante de li piedi e, come lui sarza a sede, ‘na secchiata de merda (stavo pe di’ lassie) ‘n faccia.

    Comment by 'svardoASR'29 — 12 Novembre 2013 @ 13:21
  4. Però come l’inferno tedesco, perché ‘n quello itagliano ‘n giorno se scordeno er bastone e ‘n’antro er secchio.

    Comment by 'svardoASR'29 — 12 Novembre 2013 @ 13:23
  5. Che tipo INSULSO!

    Comment by principessa — 12 Novembre 2013 @ 15:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>