Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Novembre 2013

Quanto sò … storni

Quanto sò … storni

***

Er Campidojo dice che sta in bianco,

nun ce sò sòrdi pe caccià li storni,

l’ucelli giunti qua da li dintorni,

che sembreno volà pe macchie in branco.

***

Se poseno su l’arberi più adorni,

sò pronti a mitrajatte e dico, manco

si te trasformi in mago o sartimbanco,

te sarvi da quer lancio de contorni.

***

Nun ce sò fonni pe mannalli via,

nemmeno pe pulì Roma dar guano,

regalo pe la loro compagnia.

***

Co gnente che li cacci e li disperda,

pe parlà un po’ più semprice e romano

ce lasseno ner pieno de la merda.

 ***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Vabbe’ che er pianto frutta, ma questi stanno a esaggera’. Nun ce voranno mica li mijardi p’organizza’ “l’urlo” der farco. Li predecessori, tutti, l’hanno fatto e già c’ereno li buchi ar bilancio. Quanto ‘a stanno a fa’ traggica, aoh!

    Comment by 'svardoASR'29 — 13 Novembre 2013 @ 09:14
  2. Scusate, m’ero dimenticato: hanno d’arisparambia’ p’accoje li profughi sbarcati a Lampedusa; commodo pe batte cassa ar Governo.

    Comment by 'svardoASR'29 — 13 Novembre 2013 @ 09:17
  3. Beh, se vede che in Campidoglio prevale la corporazione degli ombrellai eheheh…

    Comment by Silvio — 13 Novembre 2013 @ 14:21
  4. Sono tornata a casa ora e ho letto il sonetto: è vero che gli storni sporcano, ma quelli che ci governano e rubano sono peggio.

    Comment by letizia — 13 Novembre 2013 @ 19:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>