Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Novembre 2013

Er fojo bianco

Er fojo bianco

***

A vorte m’ariguardo er fojo bianco,

ch’è come si aspettasse d’èsse scritto,

ma più lo guardo e grido, stanno zitto:

“Nun so che scrive, lassame, so’ stanco!”

***

Ma poi m’abbasta arzà l’occhi ar soffitto,

distoje l’attenzione da quer banco,

nun ascortallo più, né prestà er fianco

ar suo richiamo d’èsse scritto fitto.

***

Che subbito a la testa je viè in mente,

quarch’artra idea da trasformà in verzetto,

pijo la penna in mano immantinente …

***

… ma manco er tempo de guardà er fojetto,

che me diceva “scrivi” e io “gnente”,

che già è annerito da un artro sonetto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Ahò se vede che anche nella poesia l’appetito viene mangiando eheheh… e i sonetti sò come le ciliege, uno tira l’altro!

    Comment di Silvio — 20 Novembre 2013 @ 10:02
  2. Bello!
    Questo sonetto mi riporta al compito in classe d’italiano: all’inizio zero assoluto, poi, per fortuna, le idee si riordinavano.

    Comment di letizia — 20 Novembre 2013 @ 16:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>