Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Novembre 2022

Avvento

Avvento

***

Ma quant’è bello er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che un’attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno ch’è la Notte de l’Evento.

 ***

Chi mette in scena er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

man mano s’avvicina quer momento

e più ‘gni strada se colora accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

aprenno ar dì un’artra finestrella,

così riscopre tutto er campionario …

 ***

… dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar biscotto o l’incontrario,

un attimo e er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Ma quant’è bello er tempo de l’Avvento,
    che artro poi nun è che un’attesa,
    ’gni giorno se prepara ’na sorpresa,
    fin quanno ch’è la Notte de l’Evento.

    Comment by Stefano — 26 Novembre 2022 @ 07:46
  2. Il ricordo del Natale di tanti anni fa non c’è più: ci mancano gli amici e i parenti di una volta, si preparava il Presepe in allegria e si stava tutti insieme giocando a tombola e a sette e mezzo! Bei ricordi.

    Comment by letizia — 26 Novembre 2022 @ 11:56
  3. Si, bei ricordi!

    Comment by romano cb — 26 Novembre 2022 @ 16:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL