Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Dicembre 2013

Lenti deformanti

Lenti deformanti

***

Che pena ner penzà che veramente

c’è ancora quarcheduno che je crede,

che ancora presta orecchio e je dà fede

a quer che viè da la stampa corente.

***

Come se fa, da mó che lo sto a chiede,

a fasse abbinnolà sì alegramente,

da chi storpia li fatti ar convegnente,

pe fa valé quer che s’ascorta e vede?

***

Come nun fa a sorgete er sospetto,

che ‘gnuno porta l’acqua ar suo mulino,

e t’aricconta er tutto ch’ha coretto …

***

… dipenne, cor setaccio o cor colino,

seconna sempre e solo dar proggetto

der capo a cui je porgerà l’inchino?

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Purtroppo, la maggior parte dei cosiddetti giornalisti (io li chiamo pennivendoli), scrivono “pro domo” loro.

    Comment di letizia — 3 Dicembre 2013 @ 16:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>