Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Dicembre 2013

GNA POSSO FA’

“GNA POSSO FÀ”

***

“GNA POSSO FÀ”, te sento dì ‘gni vorta,

appenna ciài un’anticchia de probblema,

quarziasi sia er discorzo oppure er tema,

er modo de chiosà, nun cià artra sorta.

***

“GNA POSSO FÀ”, la voce che te trema,

 che cerca compassione in chi t’ascorta,

a te, nun te ne dice una storta,

ciài tutto er monno contro che te strema.

***

“GNA POSSO FÀ”, così a ripetizzione,

si me dài ascorto tu, parlo in dialetto,

je toje er senzo a tutta l’espressione.

***

Si cerchi chi t’abbraccica più stretto,

prova a evità ‘sta frase a compassione:

 “GNA POSSO FÀ” – “Vabbè, come nun detto!”

***

Stefano Agostino

______________________

  1. Ahh se chi se lamenta sempre capisse che effetto sgradevole genera a chi je sta vicino… Io infatti GNA POSSO propio FÀ a sopportà ‘sta gente!!!

    Comment by Silvio — 12 Dicembre 2013 @ 09:07
  2. …. eppure la rubentus ‘gne l’ha potuta fa! EVVIVA!!!!
    SEMPRE FORZA MAGICA ROMA!

    Comment by letizia — 12 Dicembre 2013 @ 10:45
  3. Nun è me che lamento, è veramente ‘na constatazzione, quanno dico che “gna faccio”. Defatti tante vòrte ciò provato a partecipa’ a ‘na pizza der blogghe e poi ar dunque ….’un gn’hò fatta.
    Ce vòjo ariprova’ si s’organizza ‘a pizzata proposta da “Princesse”.

    Comment by 'svardoASR'29 — 12 Dicembre 2013 @ 11:49
  4. Propongo la prossima pizza (data da decidere democraticamenye) da ROSSOPOMODORO in zona Prati, a 10 minuti dalla metro Lepanto. Sono cliente abituale, hanno prezzi “socialmente responsabili” e la pizza è ottima!

    Comment by principessa — 12 Dicembre 2013 @ 14:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>