Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Dicembre 2013

Preghiera de Natale

Preghiera de Natale

***

Signore mio, ascorta ‘sta richiesta,

er tempo è quello giusto der Natale,

fa’ quarche cosa Tu pe chi sta male,

contro ‘sta crisi e chi nun fa mai festa.

***

Qualunque cosa, purché sia speciale,

e che je dia un soriso che poi resta,

ma fórze la richiesta che ciò in testa

è faje avé ‘na vita più normale.

***

Penzace Tu, Signore, a scardà er còre

de chi ce l’ha aridotto ormai a un ghiacciolo,

sciojennojelo senza fà rumore.

***

E fà sentì ‘gni omo meno solo,

rigalaje un’anticchia der Tuo Amore,

perché quer còre possa spiccà er volo.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Bon lunedì assolato e ariscallato; si, ariscallato da l’affetto de quarcuno che te sta vicino. Tenemo tutti bisogno de sto tipo de calore e purtroppo nun se pò ave’ tutti.
    Bella e commovente l’invocazzione adotta ner sonetto.

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Dicembre 2013 @ 08:52
  2. Scalda il cuore una preghiera così, poetica e profonda! A ‘sta pregherina aggiungerei solo ‘na piccola intenzione: de fa punteggio pieno a Milano stasera…

    Comment di Silvio — 16 Dicembre 2013 @ 10:06
  3. Bellissimo! Versi pieni di sentimento e d’amore.

    Comment di letizia — 16 Dicembre 2013 @ 10:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>