Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Dicembre 2016

La Notte de Betlemme

La Notte de Betlemme

***

Me pare de vedé com’è ch’è annata,

la notte Santa quanno fu a Betlemme:

la neve che scenneva lemme lemme,

e ’gni locanda ch’era già occupata.

 ***

Maria e Giuseppe, senza ori e gemme,

p’annà in arbergo o in clinica privata,

trovarno là ’na grotta ariscallata

da l’alito de un bue e un mulo a “emme”.

 ***

Ar centro de ’sta grotta, tra li due,

’na mangiatoia e gnent’artro deppiù,

che paja da magnà p’asino e bue.

 ***

Sotto a ’na stella de un chiarore blu,

a mezzanotte esatta e su le sue,

nasceva un pupo: er piccolo Gesù.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Bellissimo!

    Comment by letizia — 25 Dicembre 2013 @ 20:09
  2. Me pare de vedé com’è ch’è annata,
    la notte Santa quanno fu a Betlemme:
    la neve che scenneva lemme lemme,
    e ’gni locanda ch’era già occupata. … (continua)

    Comment by Stefano — 24 Dicembre 2016 @ 10:46
  3. Bon pranzo. “…….ecco, una stalla e un asinello eu bue potranno riscaldarci … Maria già trascolora divinamente affranta, il campanile scocca la mezzanotte santa”

    Comment by Romamor AsR'29 — 24 Dicembre 2016 @ 12:30
  4. E’ bellissimo! Spero che Gesù, oltre che in una stalla, nasca anche nei cuori degli uomini!
    Buona Vigilia.

    Comment by letizia — 24 Dicembre 2016 @ 15:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>