Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Maggio 2017

Bon compreanno

Bon compreanno

***

Te vojo arigalà un par de parole,

ner giorno giusto der tuo compreanno,

du’ strofe a festeggià ’sto capodanno,

ch’è solo er tuo, nun è quello der Sole.

 ***

L’augurio che nun sia come se fanno,

tanto pe falli, ma come Dio vole,

che scenna ner profonno e faccia spole,

su e giù tra pelle e còre e de rimanno.

 ***

No de riceve cento e più regali

o de fà viaggi tra Equatore e fiordi

o vive mille è più de ’sti natali.

 ***

Io t’auguro più un bene, senza bordi,

l’affetti intorno eppoi de fà reali,

li sogni che nun compri co li sòrdi.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Bon compreanno

***

******

  1. BUON COMLPEASTICO a te e al tuo “io dissociato”, ma SEMPRE ROMANISTA! Come regalo mi posso permettere solo un GROSSO BACIO :*

    Comment di principessa — 26 Dicembre 2013 @ 09:45
  2. Una canzone dice che li sogni so’ desideri; chissà se ariveremo a realizzalli. Ste’ ner fatte l’auguri(copio “princesse”)der tuo “compleastico”, te fò l’augurio pure d’ariusci’ a realizzalli.

    Comment di 'svardoASR'29 — 26 Dicembre 2013 @ 10:20
  3. Cento de ‘sti sonetti de compreanno …

    Comment di Elio Malloni — 26 Dicembre 2013 @ 10:42
  4. Felice compleanno vecchio mio, e anche felice onomastico, o meglio ancora, come ami dire tu, buon compleastico!!! Mi associo al concetto espresso nell’ultima riga per augurarti di cuore di realizzare “li sogni che nun compri co li sòrdi”!

    Comment di Silvio — 26 Dicembre 2013 @ 12:50
  5. Arrivo tardi: mi sono rotta la testa per farti degli auguri speciali, ma non ho parole da dire con le labbra, ma parole che vengono dal cuore e che non riesco a esprimere come vorrei. Ti auguro di realizzare i sogni che non si acquistano con i soldi e che il Signore ti benedica sempre.

    Comment di letizia — 26 Dicembre 2013 @ 20:51
  6. Te vojo arigalà un par de parole,
    ner giorno giusto der tuo compreanno,
    du’ strofe a festeggià ’sto capodanno,
    ch’è solo er tuo, nun è quello der Sole. … (continua)

    Comment di Stefano — 13 Maggio 2017 @ 07:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>