Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Gennaio 2014

Er novo anno

Er novo anno

***

Vojo auguratte un anno cor soriso,

li giorni che te lasseno ricordi,

de quelli colorati, che nun scordi

e accenneno ’na luce a l’occhi e ar viso.

 ***

Ché nun ce sò fortune e manco sòrdi

co cui qui pòi compratte er Paradiso,

vive giornate senza tornà liso,

riceve amore, senza schermi e bordi.

 ***

Un anno novo, novo veramente,

’ndò pòi donà quer tanto che ciài dentro,

vedrai ce n’ha bisogno tanta gente.

 ***

Pe quanto me ce sforzo e me concentro,

da ditte artro mó nun me viè gnente,

spero però d’avé già fatto centro!

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Bon’anno DUMILAQUATTORDICI a te Ste’ e a tutti quelli che passeno a legge ‘ste rime.
    Ch’ho da di’: è arivato er principiop de ‘n’antr’anno e co’ questo n’ho visti ‘ncomincia’ 85, ma p’ogni giorno der comincio è stato er normale seguito de quello de la fine der precedente.
    Nun è vero ch’anno nòvo fa vita nòva, perché l’punica cosa che cambia è che ‘nvecchiamo e c’arincojonimo.
    AUGURI A TUTTIIIII!

    Comment by 'svardoASR'29 — 1 Gennaio 2014 @ 10:53
  2. Daje a’svardo nun t’abbacchià, me sembri piuttosto arzillo!
    BUON ANNO A TUTTI e che Dio ci benedica.

    Comment by letizia — 1 Gennaio 2014 @ 12:04
  3. Auguri a tutti, di cuore. E un grazie speciale al Poeta che ci accompagna e ci solleva un metro da terra tutti i giorni, facendoli sentire un pò speciali.
    Grazie Stefano, per il tuo genio, l’Arte e la compagnia

    Comment by Pablo BigHorn — 1 Gennaio 2014 @ 23:34
  4. AUGURI ANCHE DA PARTE MIA 😀

    Comment by principessa — 2 Gennaio 2014 @ 10:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>