Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Gennaio 2014

Un eterno Capodanno

Un eterno Capodanno

***

Me piacerebbe che ’gni giorno a l’anno,

fosse er primo gennaio, un novo inizzio,

co nòve luci, come ner sorstizzio,

no solo perché er dì de Capodanno.

 ***

Né perché viè qui Caio oppure Tizzio,

o ché c’è sta ’na festa o un compleanno,

ma più perché c’è da cambià e er quanno

va da l’asilo fino che a l’ospizzio.

 ***

E nun c’è d’aspettà er calendario,

né eventi esterni o feste comannate,

p’arovescià er percorzo a lo stradario.

 ***

Nun serve pijà tempo e aspettà date

o ricorenze tipo scadenzario,

ma voja de nun fà mai più cazzate!

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Praticamente senza scadenze, cor tempo fermo che nun passa mai, sempre ar medesimo giorno e nun t’accorgi che manch’hai principiato a anna’ a l’asilo, ch’aggià t’aritrovi a l’ospizzio e fa li ceci: certo ch’a sto modo nun se pònno fa’ cazzate de sòrta. Ammeno chè nun sieno cazzate flash.
    Allora, oggi 02 gennaio vale bon’ano a tutti e che er 23 ve sia propizzio.

    Comment di 'svardoASR'29 — 2 Gennaio 2014 @ 17:04
  2. Buona questa!
    Buon 23 a tutti (tranne a li lassiali)

    Comment di letizia — 2 Gennaio 2014 @ 21:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>