Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Gennaio 2014

Er sette de gennaio è lunedì

Er sette de gennaio è lunedì

***

Sona la sveja ch’è arimasta spenta,

dar 23 de prima de Natale,

squilla ‘sto “driiiin” e già me sento male,

ma che davero è er sette? No, ritenta.

**

E invece tocca arzasse e arzà er morale

che arestebbe a letto e se lamenta,

pure de fà quer passo che sgomenta

che poi è er tirasse su da orizzontale.

***

Er sette de gennaio è quarche cosa

che sa de lunedì in quarziasi giorno

in cui va a capità e che se lo sposa.

***

“Bongiorno” – “Maddeché? Bongiorno un corno.

Nun se pò fà che ‘gnuno s’ariposa,

fin’ a che er sei gennaio fa ritorno?”

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Sono finite le vacanze: Tutti a scuola o al lavoro (per chi ce l’ha)!

    Comment by letizia — 7 Gennaio 2014 @ 08:27
  2. Fenite le feste e …. gabbato er santo. M’aricordo er sor Bramieri quanno diceva: “Movil, muoversi, muoversi Movil; daje moveteve ch’avete da smarti’ le magnate de le feste.
    Daje Ste’, te sei sarvato ‘n lunedì e nun te la pija cor martedì; nonostante tutto se vede che te sei svejato bene, tanto da sforna’ sto simpatico sonetto.

    Comment by 'svardoASR'29 — 7 Gennaio 2014 @ 09:54
  3. chi gira lecca, chi sta fermo se secca

    da quanno a Roma se semo fermati, tutti l’extracomunitari so arivati

    se stanno a pià tutta l’economia e a Noi più giovani ce toccherà scappà via

    Comment by faBio — 7 Gennaio 2014 @ 12:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>