Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

11 Gennaio 2014

Trilussa – Er ventriloco

Er ventriloco

***

Si credi a questo, sei ‘no scemo, scusa:

pò stà che un omo parli co la gente,

come si ne la panza, internamente,

ciavesse quarche machina arinchiusa?

***

Nun credo che in un’epoca ‘ndò s’usa,

d’aprì la bocca senza dì mai gnente,

esista ‘sto fenomeno vivente,

che dice tante cose a bocca chiusa.

***

Parlà cor ventre… oh questa sì ch’è bella,

sortanto er poveraccio che nun magna,

se sente fà glu-glu ne le budella.

***

Io stesso, speciarmente a fine mese,

me sento che lo stommaco se lagna,

ma sai ched’è? La voce der Paese.

***

Trilussa

_________________________

  1. ER VENTRILOCO – Trilussa – Si credi a questo sei ‘no scemo, scusa: / pò stà che un omo parli co la gente / come si ne la panza, internamente, / ciavesse quarche machina arinchiusa …

    Comment by Stefano — 11 Gennaio 2014 @ 10:30
  2. Versi antichi, ma attualissimi, che fotografano lo stato dell’Italia odierna.

    Comment by letizia — 11 Gennaio 2014 @ 16:57
  3. Una vòrta a Roma c’era l’abbonnanza,
    Se faceva, se pò di’, ‘na vita bòna,
    mo te fai le crespe su la panza
    perché t’ammanca la mijor sostanza.
    Ma co sti tempi perfidi nun se pò
    anna’ più avanti
    Si continua questo genere
    crepamo tutti quanti
    Ha voja de lavora’,
    ha voja de fatica’
    co mille euro ar mese
    vai aletto senza cena’!
    Da canta’ sur motivo de: ” ‘a tazza e cafè.”

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 Gennaio 2014 @ 17:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>