Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Gennaio 2014

Come piotta er tempo

Come piotta er tempo

***

Nun se fa a tempo manco a mette a posto

addobbi e gingilletti de Natale,

che spunta come gnente Carnevale,

le maschere e quant’artro che viè esposto.

***

Un soffio e via, ch’er tempo è già pasquale,

co le colombe e l’ova a fà avamposto,

metti er costume, è guasi feragosto,

che già cià quarche cosa d’autunnale.

***

Vabbè, sarà più ‘na provocazzione,

ma è solo pe indicà ch’er tempo córe

e a staje appresso fa venì er fiatone.

***

Ché mentre penzi a le ventiquattr’ore,

quello t’ha già cambiato ‘na staggione:

“ritira giù l’addobbi, fa’ er favore”.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Nun se fa a tempo manco a mette a posto
    addobbi e gingilletti de Natale,
    che spunta come gnente Carnevale,
    le maschere e quant’artro che viè esposto. … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Gennaio 2014 @ 08:22
  2. Il tempo è frenetico: oggi è già ieri!

    Comment di letizia — 16 Gennaio 2014 @ 09:07
  3. Bella questa Letizia: “oggi è già ieri”. Grazie.

    Comment di Stefano — 16 Gennaio 2014 @ 09:22
  4. “Tempus fugit” sintetizzavano saggiamente i latini per definire qualcosa che sfugge al controllo dell’uomo, il quale può solo prenderne coscienza e adeguarsi.

    Comment di Silvio — 16 Gennaio 2014 @ 09:31
  5. E gira e fa’ la ròta; er tempo vola; nun famo ‘n tempo a svejacce ch’è già domani; oggi è già ieri (già citato da Letizia); ‘nsomma a forza de senti’ st’aritornelli me so’ scappati 84 cicli de staggioni e guasi nun me ne so’ accorto.
    Vabbe’, che je fa, tanto domani è ‘n’antro giorno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Gennaio 2014 @ 18:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>