Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

1 Febbraio 2014

Roma alluvionata

Roma alluvionata

***

Nun riesco ancora a crede a quer che vedo:

immaggini de Roma alluvionata,

da Casalotti, fino a Pietralata,

da Grottarossa a l’Eur, no nun ce credo.

***

Nun è ‘na pioggia, questa è ‘na cascata

ch’è un’alluvione, co tutt’er coredo

de guai e de disaggi che a chi chiedo

nun c’è sta zona che nun sia allagata.

***

Er traffico va in “tirt” e blocca tutto,

le fogne che s’attureno de rito,

nun c’è angoletto a Roma che sia asciutto.

***

Er Tevere ch’è guasi foriuscito,

ma pure oggi, certamente brutto,

me tengo Roma e l’amo a l’infinito.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Nun riesco ancora a crede a quer vedo:
    immaggini de Roma alluvionata,
    da Casalotti, fino a Pietralata,
    da Grottarossa a l’Eur, no nun ce credo. … (continua)

    Comment by Stefano — 1 Febbraio 2014 @ 08:12
  2. Questo è il risultato di anni e anni di incuria di chi dovrebbe salvaguardare ROMA da disastri di questo genere.
    Buon mese a tutti e sempre FORZA ROMA (calcistica e non).

    Comment by letizia — 1 Febbraio 2014 @ 12:27
  3. Mo ‘a còrpa è de l’urtimo arivato, così com’era der cosidetto “Alemanno-magno-danno”. Ce sta poco da fa’, si nun se fanno le cose come se deve, sarà sempre peggio. Li probremi so’: l’incuria de la gente che lassa pe strada ‘e buste de plastica; chi ha da puli’ pulisce, ma forze de fretta; e le caditoje che so’ poche e piccole pe riceve tutta l’acqua che, mai vista a Roma, ce sta a annaffia’ da settimane.
    Una vòrta se faceveno le strade a “schiena d’asino” co l’imbucatura a le fogne operta, bella larga, sott’ar marciapiede e cor tombino corisponnente sur marciapiede pe pote’ fa la pulizzia. Invece mo’ so’ piatte e ce sta er tombino a grata, direttamente accosto ar marciapiede, che a’attoppa de cartacce, erbacce, foje secche più o meno secche, buste de plastica etc. etc.
    Sarà l’evoluzzione de l’ingegneria urbanistica ch’a me me pare involuzzione.
    Metemece pure che ar tempo passato c’era più tera libbera p’assorbi sta piova, ner mente mo’ ce sta asfarto ‘mpermeabbile e più se fanno case più asfarto e cemento crescheno e de consguenza s’alimenteno laghi e fiumi urbani co li nomi de le strade percorze. Es: a Ostia, davanti ar pontile mo ce sta er lago de li Ravennati che, d’estate, è ‘na piazza.

    Comment by 'svardoASR'29 — 1 Febbraio 2014 @ 17:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>