Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Febbraio 2014

Ch’edè ‘sta luce?

Ch’edè ‘sta luce?

***

Vorei tranquillizzà ‘gni mio lettore,

ner mentre che se sveja stamatina,

quanno se chiede, ma nun indovina,

che sara mai ‘sta luce e ‘sto chiarore …

***

… e guarda er cèlo e dice: “s’avvicina

quer gran macigno giallo e fa terore…”

– beh nun stia a fà così e senza discore,

je spiego io ‘sta palla pajerina.

***

Se tratta de un fenomeno celeste

che in de ‘ste latitudini nostrane,

abbituate ormai a le tempeste …

***

… nun accadeva più da ere lontane,

e nun cià conzeguenze mai moleste,

se chiama “Sole”, ma poco rimane.

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Vorei tranquillizzà ‘gni mio lettore,
    ner mentre che se sveja stamatina,
    quanno se chiede, ma nun indovina,
    che sara mai ‘sta luce e ‘sto chiarore … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Febbraio 2014 @ 08:16
  2. Ahò e mo che c’eravamo abituati a ‘sto grigiore e all’umido de ‘ste giornate uggiose sarà traumatico tornare al chiarore pieno del sole! Il sole è la nostra stella e la sua luce ci rischiara e ci rassicura, vorrei proprio trovare una metafora con la partita di stasera: la stella giallorossa si accende alla conquista della finale!

    Comment di Silvio — 12 Febbraio 2014 @ 10:00
  3. Le mie gatte stamattina si sono sdraiate al sole finalmente!

    Comment di letizia — 12 Febbraio 2014 @ 11:18
  4. Bella ‘a foto: è come si ‘o sguardo der Creatore se fermasse a da’ ‘na sgamata su sto casino che se chiama Tera.

    Comment di 'svardoASR'29 — 12 Febbraio 2014 @ 14:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>