Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Aprile 2014

Er tradimento de un amico

Er tradimento de un amico

***

Peggio der tradimento de ‘na donna,

fa anche più male quello de un amico,

che nun è d’augurà manco ar nemico,

p’er danno che te fa e pe come sfonna.

***

Me spiego mejo, ossia, te l’aridico,

‘na donna che tradisce se ‘ncolonna

ar gruppo de chi leva slip e gonna

p’aprì le gambe a un quarziasi fico.

***

Ma è ben più infame er fatto de chi abbrucia

‘gni senzo d’amicizzia addentro a un forno,

carbonizzanno er bene e la fiducia.

***

Ché l’Amicizzia, si nun cià ritorno,

è cosa ben più granne e, si se sdrucia,

nun vale l’agonia che pò dà un corno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Peggio der tradimento de ‘na donna,
    fa anche più male quello de un amico,
    che nun è d’augurà manco ar nemico,
    p’er danno che te fa e pe come sfonna. … (continua)

    Comment by Stefano — 16 Aprile 2014 @ 09:13
  2. Il mondo è pieno di giuda che si fingono amici! A me ne sono capitati svariati.

    Comment by letizia — 16 Aprile 2014 @ 11:06
  3. Li proverbi so’immutabbili ner tempo, sempre attuali: “Dall’amici me guardi Iddio, che dai nemici me guardo io!”.
    Diteme chi è che nun l’ha provato.

    Comment by 'svardoASR'29 — 16 Aprile 2014 @ 15:50
  4. E’ tanto vero questo che infatti si dice: le donne passano ma gli amici restano! E il fatto che restano significa che sono dei punti fermi, sui quali fare affidamento, se viene meno la propria fiducia in loro è come un pilastro portante che crolla!

    Comment by Silvio — 17 Aprile 2014 @ 07:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>