Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Aprile 2014

La notte più buja pe l’umanità

La notte più buja pe l’umanità

***

Lo immaggino da solo quela notte,

in cui Lui fu arestato e er tradimento,

come ’gni omo, chissà che tormento,

sudà gocce de sangue ininterotte.

 ***

E quanta pena er pianto in quer momento,

  pe allontanà quer “Calice” e le lotte

contro se stesso e l’anime corotte

de carcerieri, senza intennimento.

*** ***

Er bacio de l’infamia e la cattura,

a disegnà che fine fa l’obblìo

de l’omo quanno perde la misura.

 ***

Poi quer processo e faje pagà er fio

pe l’èsse stato er Giusto pe Natura,

morto pe noi, Gesù, fijo de Dio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Lo immaggino da solo quela notte,
    in cui fu arestato e er tradimento,
    come ’gni omo, chissà che tormento,
    sudà gocce de sangue ininterotte. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Aprile 2014 @ 11:20
  2. Altro capolavoro da incorniciare Stè!!! Da aggiungere peraltro a quelli “evangelici” a composizione della raccolta liturgica!

    Comment by Silvio — 17 Aprile 2014 @ 13:55
  3. “La notte più buia per l’umanità” Questo sonetto mi ha provocato un groppo in gola: è bellissimo!

    Comment by letizia — 17 Aprile 2014 @ 16:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>