Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Dicembre 2009

L’amico pescatore

Tags: , , ,

pescatore2

L’amico pescatore

***

Me parli come parla er pescatore,

quann’ aricconta de ch’è ito a pesca,

de come ha preparato amo e esca,

der pesce preso senza fa’ rumore.

***

E com’er pòro duo, Paolo e Francesca,

annati  a l’artro mònno per amore,

leggènno Lancillotto e quer suo autore,

me perdo a datte retta a ogni tua fresca.

***

Nun è che trovi sempre chi se sfonda

de frottole che spari ogni momento,

come sto scemo qui che t’asseconda.

***

Ariverà ‘n ber giorno, me lo sento,

che dirai er Pantheon, no la Rotonda,

ma te starà a senti’ sortanto er vento…

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Che bello poter tornare a leggere i tuoi sonetti, dopo essere stata segregata con il mio piccolo. Parole pesanti, ma vere … mai esagerare.
    baci
    Fede

    Comment by Federica_Perla — 9 Dicembre 2009 @ 16:04
  2. Le misure der pescato e der cacciato so’ sempre spropositate, tanto che a la fine de er racconto je dimo: e cala!!!

    Comment by 'svardo — 9 Dicembre 2009 @ 18:28
  3. Quella del pescatore del millantare e’ un’arte vecchia ma sempre nuova, e c’e’ sempre qualcuno che ce casca!

    Comment by Silvio — 10 Dicembre 2009 @ 01:46
  4. … tanto si sa che passano dalla pescheria di fiducia 😀

    Comment by Principessa — 10 Dicembre 2009 @ 20:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>